Storico

Il pogo è molto rurale, un ritorno alle origini alla Natura primitiva dell'Uomo, alla notte dei tempi, ebbene sì forse ai primati nostri antenati. Prendersi a spallate poi, senza farsi male, è un principio di simulazione di guerra: lo si può notare nella preparazione del cosiddetto 'Wall of Death' (Muro della Morte), conosciuto anche come Bravehearth, nome che trae origine dall'omonimo film. Due fazioni si dividono, come le acque, e come due eserciti si stabiliscono le fila, e i partecipanti già si sfidano e si scelgono tra sguardi e salti. Poi, raggiunto il momento topico della canzone, corrono gli uni contro finché non cozzano e badabum inizia la schermaglia. Ma senza armi e danni… o vabbè, ogni tanto capita ma non sono mai così esagerati.

Scientifico

C'è molta più Fisica di quanta se ne possa immaginare. Il pogo è un sistema chiuso, circondato dalle persone astanti che fanno da barriera o che a volte si spingono all'interno dello stesso perché percorse da un brivido di eccitazione. Questo sistema è di per sé quieto: riceve però dall'esterno una vibrazione energetica (in questo caso sonora) che eccita le persone, che possiamo vedere tranquillamente come 'particelle', le quali una volta cariche tendono a muoversi in maniera del tutto casuale verso altre particelle per uno scambio di energia (ionizzazione) al fine di riportare il livello di entropia all'origine.

Sociale

Secondo Desmond Morris nel suo trattato L'uomo e i suoi gesti il comportamento umano nella danza è un preliminare alla ricerca del partner ideale che deve terminare poi nell'accoppiamento. Di fatto molto spesso il ballo è sensuale, seducente, quanti di noi non avranno fantasticato su Salma Hayek che danza sinuosa sulle note di After Dark di Tito & Tarantula nella scena del film Dal tramonto all'alba, vi sfido.
Nel pogo tutto questo non c'è, di fatto le donne (le più coraggiose o matte) sono ben accette e non hanno da che temere di essere molestare o viste per un secondo fine. Anzi, contrariamente sono protette e difese dal codice etico del pogo. Un codice che nessuno ti insegna ma che tutti conoscono non appena si entra nell'arena: una morale ligia degna del Bushido.
Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *